Download E-books Storia delle terre e dei luoghi leggendari PDF

By Umberto Eco

QUESTO booklet HA RICEVUTO IL SIGILLO AMERICANO DI QUALITÀ QED (QUALITY, EXCELLENCE, layout) ASSEGNATO NELL'AMBITO DEL PUBLISHING INNOVATION AWARDS 2014 CHE GARANTISCE l. a. MASSIMA ESPERIENZA DI LETTURA.

La nostra immaginazione è popolata da terre e luoghi mai esistiti, dalla capanna dei sette nani alle isole visitate da Gulliver, dal tempio dei Thugs di Salgari all’appartamento di Sherlock Holmes.

Ma in genere si sa che questi luoghi sono nati solo dalla fantasia di un narratore o di un poeta.

Al contrario, e sin dai tempi più antichi, l’umanità ha fantasticato su luoghi ritenuti reali, come Atlantide, Mu, Lemuria, le terre della regina di Saba, il regno del Prete Gianni, le Isole lucky, l’Eldorado, l’Ultima Thule, Iperborea e il paese delle Esperidi, il luogo dove si conserva il santo Graal, los angeles rocca degli assassini del Veglio della Montagna, il paese di Cuccagna, le isole dell’utopia, l’isola di Salomone e l. a. terra australe, l’interno di una terra cava e il misterioso regno sotterraneo di Agarttha. Alcuni di questi luoghi hanno soltanto animato affascinanti leggende e ispirato alcune delle splendide rappresentazioni visive che appaiono in questo quantity, altri hanno ossessionato los angeles fantasia alterata di cacciatori di misteri, altri ancora hanno stimolato viaggi ed esplorazioni così che, inseguendo una illusione, viaggiatori di ogni paese hanno scoperto altre terre.

Show description

Read Online or Download Storia delle terre e dei luoghi leggendari PDF

Similar Art History books

Convergences: Essays on Art and Literature

Engrossing essays that mirror the author’s great and refined wisdom of the realm. themes diversity from the spiritual rites of the Aztecs to trendy american portray, from jap paintings and faith to like and eroticism. Translated through Helen Lane.

Mnemosyne: The Parallel between Literature and the Visual Arts (The A.W. Mellon Lectures in the Fine Arts) (Bollingen Series XXXV-16)

AW Mellon Lectures in wonderful Arts are provided every year on the nationwide Gallery of artwork in Washington. they're released within the prestigious Bollingen Series.

The Bollingen sequence is devoted to top of the range scholarly monographs on artwork, tradition, and philosophy.

From the airborne dirt and dust jacket:
In his seek for the universal hyperlink among
literature and the visible arts. Professor Praz
draws upon the ample proof of lengthy
mutual figuring out and correspondence be­
tween the sister alts even if parallels of
theme and concept are abundant, be is no longer
primarily involved with those. fairly, he
examines the shut dating or air de fanulle
between the expression of the arts m any given
epoch.
Each epoch has “ its ordinary handwriting
or handwritings, which, if one may perhaps interpret
them, may display a personality, even a physi­
cal visual appeal. ” even if handwriting is
taught and a few of its features hence
belong to the basic variety of the interval, the
personality of the author does no longer fail to pierce
through. anything of the similar kind, the au­
thor proposes, happens in artwork. The kinship of
literature and portray rests on this circum­
stance: a paintings of paintings, no matter if visible or liter­
ary, needs to use the specific “ handwriting” of
its specific age, even as its originality pierces
through this handwriting.
The likeness among the arts inside a variety of
periods o f background can eventually be traced,
then, to structural similarities— similarities
that come up out of the attribute method in
which the humans of a yes epoch see and
memorize proof aesthetically. Mnemosyne, at
once the goddess of reminiscence and the mom
of the muses, as a result presides over this view
of ihe arts. In illustrating her iniluence. Pro­
fessor Praz levels largely via Western
sources, either literary and pictorial. There are
1 2 1 illustrations accompanying the text.
M A R IO P R A Z is Professor of English Lan­
guage and Literature at the collage of
Rome. His previous books contain The Roman­
tic suffering, experiences in Seventeenth-Century
imagery, and The Flaming Heart.
ackct layout via P J. Conkwright

Art in Three Dimensions

Paintings in 3 Dimensions is a set of essays through some of the most eminent figures in philosophy of artwork. The animating suggestion at the back of Noel Carroll's paintings is that philosophers of paintings should still eschew this kind of aestheticism that frequently implicitly -- yet occasionally explicitly, as on the subject of aesthetic theories of paintings and in their commitments to the inspiration of the autonomy of paintings -- governs their technique.

Cinema by Other Means

Cinema by means of different skill explores avant-garde endeavors to perform the cinema through the use of the fabrics and the thoughts assorted from these as a rule linked to the cinematographic equipment. utilizing examples from either the old and the post-war avant-garde -- Dada, Surrealism, Letterism, "structural-materialist" movie, and extra -- Pavle Levi finds quite a number unusual and ingenious ways that filmmakers, artists, and writers have reflected and created, played and remodeled, the "movies" without or with without delay grounding their paintings within the fabrics of movie.

Additional resources for Storia delle terre e dei luoghi leggendari

Show sample text content

E delle battaglie di questi discendenti si limita a parlare. Quindi il Prete Gianni è in keeping with lui notizia appartenente al passato. Il viaggio lungo l. a. through della seta, XIV sec. , mappa catalana, Paris, Bibliothèque Nationale de France Sarà scettico anche Odorico da Pordenone che compie il suo viaggio nel 1330 e nel suo Sulle cose sconosciute annota: “Come partimmo dal Catai andando verso ponente [... ] navigammo circa un mese, e giungemmo nelle contrade del Prete Gianni, che non sono affatto quello che se ne cube. los angeles città principale è Cossaio, ed è una terra piccola e disordinata; e quello che rende noto questo Prete Gianni è che sempre si apparenta col gran Cane, e prende in step with moglie una delle sue figlie. consistent with quel che ho capito, non period cosa di gran rilievo, in keeping with cui ci siamo fermati laggiù consistent with poco. ” l. a. signora dell’unicorno, arazzo, 1484-1500, Paris, Musée de Cluny Tuttavia l. a. persistenza della leggenda nelle terre asiatiche ci cube che los angeles lettera del Prete Gianni, according to falsa che fosse, aveva attinto a qualche notizia esotica e testimoniava di tradizioni orientali ancora ignote all’Occidente. consistent with il resto si potrebbe pensare che chi effettivamente aveva visitato quelle terre di cui prima si period solo favoleggiato rendesse fedele testimonianza di ciò che realmente vedeva e non di quello che avrebbe desiderato vedere. Ma anche questi viaggiatori attendibili non riuscivano spesso a sottrarsi all’influenza delle leggende di cui erano a conoscenza prima di partire. Albrecht Dürer, Rinoceronte, incisione, 1515, collezione privata Con Marco Polo si manifesta una sorta di tensione tra quello che los angeles tradizione gli suggeriva di vedere e quello che realmente vede. Tipico il caso degli unicorni, che gli appaiono a Giava. Ora, che gli unicorni ci siano, un uomo del Medioevo non lo metteva in discussione – e ancora nel 1567 (vedi Shepard 1930), il viaggiatore elisabettiano Edward Webbe ne vede tre, nel serraglio del Sultano, in India, e addirittura all’Escorial di Madrid, mentre il missionario gesuita Lobo nel Seicento ne vede in Abissinia, e un altro unicorno vede John Bell nel 1713. Polo sapeva che secondo l. a. leggenda l’unicorno è una bestia, ovviamente con un lungo corno sulla fronte, bianca e gentile, e che è attratto dalle vergini. E infatti according to catturarlo si diceva che occorresse porre una fanciulla illibata sotto un albero, e l’animale sarebbe andato a porle il capo in grembo, così che i cacciatori potessero prenderlo. Come aveva scritto Brunetto Latini, “quando l’unicorno vede los angeles fanciulla, l. a. sua natura gli dae che, incontanente ch’egli los angeles vede, si ne va da lei, e pone giuso tutta los angeles sua fierezza. ” Blemmi, sciapodi, monocoli, da Maestro di Boucicault, Livre des Merveilles, Ms. Fr. 2810, XV sec. , Paris, Bibliothèque Nationale de France Poteva Marco Polo non cercare unicorni? Li cerca, e li trova, perché è indotto a guardare alle cose con gli occhi della tradizione. Ma una volta che ha guardato, e visto, in base alla cultura passata, ecco che si mette a riflettere da testimone veritiero, che sa criticare gli stereotipi dell’esotismo.

Rated 4.31 of 5 – based on 37 votes